martedì 11 ottobre 2011

Mistero e il Monte Musinè: sempre la solita minestra (riscaldata).

Il filmato non l' pubblicato io su YouTube, se sparisce cercate
una versione alternativa: "monte Musinè+Mistero"

Aggiornato dopo la pubblicazione iniziale

Questa settimana Mistero ha fatto "en plein".

La ricetta è la solita: prendi un gruppo semisconosciuto (e mi scuserà il gruppo H.W.H.22), gli prometti fama e notorietà, e gli passi il copione da studiare per la puntata.
L' anno scorso era toccato al CUB (e\o CUBMGC, e\o CUFOM e\o BIM BUM BAM) ma probabilmente la redazione di Mistero ha pensato bene di rinverdire il cast.

Peccato però che di misteri sul monte Musinè non ce ne siano, ad esclusione della presenza della variegata combriccola: il gruppo HWH22 per l' appunto, una sensitiva (vedi filmato), altri "esperti" e....Marco Berry.

Marco una volta ti stimavo, facevi fessi tutti quando eri nelle Iene, imperdibile la partita\strip a carte con la Merz. Tu lo sai che è facile ingannare il cervello...ma usare queste tecniche applicate ad un servizio televisivo mi pare una bassezza incredibile da parte tua. E' naturalmente mia opinione personale. Sono solo un blogger di montagna. Tu a quanto pare una ex-Iena.

Il servizio comincia con le leggende sul luogo e le linee ortogoniche, passando per targhe farneticanti apposte da misteriosi sciroccati, come se desse credibilità a "presenze misteriose"...e arriva la....magnetite! Un semplice minerale che fa da antenna...agli alieni, come se la Terra non fosse abbastanza visibile, no gli alieni devono avere la magnetite.....è l' antenna del sistema solare: l' "addotta" Marina Tonini spiega (ARGHH!!):
"mah penso che una verita di fondo ci sia di sicuro, poi magari è stata amplificata però anche di ricercatori dell' associazione astronomica britannica hanno confermato che ci siano avvistamenti e che ci siano delle astronavi che creano delle orbite nel sistema solare"
Tutto chiaro, no? Se cominciassi a dire cose a casaccio (tipo come se fosse Antani scarpallaccia con pecora a sbifigudi) avrebbero più senso sicuramente, ed infatti subito dopo l' "addotta" aggiunge:
"mah io sento che c'è un' energia particolare (...) mi sento un pò stordita, sarà  per il contatto con questi alieni, sarà per questo magnetismo"
Ora si spiega tutto. Chissà l' addotta come sta male quando usa il cellulare. O ascolta l' iPod.

Il filmato è sparito appena l' ho linkato...probabilmente alla redazione pensano che l' account YT
che ha inserito il video sia mio, ma non è così.
Cercate una versione alternativa su YouTube : "monte Musinè+Mistero"


.

Ma il servizio continua. (non perdonerò mai la redazione di Mistero per aver utilizzato la sigla di BSG all' inizio...e fotogrammi da Falling Skies...e poi citano me e Fozzillo su YT per violazione del copyright....i diritti su FallingSkies li ha Sky!)
Strani pittogrammi...chissà come avranno fatto i nostri progenitori a disegnare sulla roccia le costellazioni? A nessuno viene in mente che la risposta è "osservando il cielo", naturalmente no, colpa degli ALIENI!

Arrivano gli HWH22...macchine fotografiche, microfoni, attrezzatura informatica, inquadrature da film d' azione, sono stati chiamati spiega Berry per "raccogliere dati". Mostrano una foto con un "flare", da fototecnico è la prima volta che sento questo termine per descrivere questa fenomenologia (di solito il termine flare è associato ad aberrazioni luminose dovute a riflessi interni dell' ottica) , non è che l' han scambiato per "flame"? (in italiano fiammata, termine utilizzato per identificare pellicole \ CCD velati da luce).

una torcia elettrica?
No, per gli HWH22 sono UFO.
Nessuno dei presenti si accorge che la foto raffigura il terreno dietro il fotografo in prospettiva, illuminato da una torcia elettrica appoggiata al terreno...e dire che s' intravede anche l' erba di fronte al fascio luminoso. Poi foto e filmati di palline luminose minuscole, uno dei quali raffigura semplicemente lanterne cinesi, con la classica luce gialla tremulante tipica .


"ehy dei puntini luminosi!"
...peccato siano lanterne cinesi!

Ma allora sono io che non capisco, io che quando mi hanno proposto di partecipare ad una di queste trasmissioni dove dovevo recitare una parte e portare "prove dell' esistenza degli UFO" mi sono semplicemente rifiutato...perchè non avevo prove. E non perchè sono un analista scarso (tutt' altro, cari i miei gaglioffi (F)Ufologici che mi state leggendo!) perchè almeno un pò di professionalità e di dignità mi è rimasta.

E invece bastava semplicemente creare le prove.

Chissà se anche agli HWH22 hanno proposto lo stesso compenso che avevano proposto a me. (e che ho rifiutato)
Ma è una questione di ideologie diverse, l' avrete già capito.

Per questo ho contattato Paolo Fiorino, socio CISU, scrittore e investigatore, che ha un GROSSO dossier sul monte Musinè, raccolto nel corso degli anni, e corredato di dati, rilevazioni, verifiche sul posto, ed è a tutti gli effetti un esperto del monte in questione e di tutte le correlazioni tra varie ideologie (ufologica, spiritica, religiosa) e gli avvistamenti in quella località (non per niente l' archivio CISU è il più vasto in Italia, ufologicamente parlando).

Gli ho rivolto alcune domande, a cui è stato felice di rispondere.
Potrete godervi l' intervista nei prossimi giorni, sempre qui su PhotoBuster.

Aggiornamento:
Ne parla anche Orsovolante, sul suo blog.


8 commenti:

Divilinux ha detto...

Bella la linea "ortogonica" che parte dalla Francia e arriva a Gerusalemme.

Mai sentito questo termine in 6 anni di istituto tecnico aeronautico. Forse voleva dire "linea lossodromica" cioè una linea obliqua che taglia i meridiani con un angolo costante di 30°. Ma come facevi giustamente notare bisogna coniare nuovi "paroloni" altrimenti la gente a casa si scaccola il naso dalla noia.

Siamo sicuri che Costantino sulla croce non abbia letto "sotto questo sole è bello pedalare"? Sarebbe una rivelazione sconvolgente...:-D

Skure ha detto...

le linee ortogoniche sono nate nel secolo scorso in Francia (o meglio hanno avuto la loro notorietà) ad opera di ufologi francesi, che tracciarono linee (con varie tecniche) unendo i punti dove si svolgevano gli avvistamenti, ne saltò fuori una specie di mappa dei corridoi aerei utilizzati dagli UFO....qualcuno speculò sul fatto che lungo queste linee ci fossero dei "traccianti magnetici" , una specie di "binario energetico" che pilotava gli UFO. Inutile dire che era puramente un accrocchio di linee che casualmente s' intersecavano, ma ha dato nuovi spunti all' ufologia. (La Vallee docet)

DomCosmos ha detto...

A 8:15 circa del secondo video una delle lucine "misteriose" passa chiaramente DAVANTI al cespuglio in primo piano...lucciola no eh? Se sono UFO, sono UFO decisamente piccoli, no?

Skure ha detto...

non sono lucciole, ma normalissimi insetti (probabili mosca e\o zanzara) illuminati da un illuminatore ad infrarossi...bella forza, ma sopratutto bel coraggio a proporre una truffa del genere.

Chiunque sia in possesso di un illuminatore infrarosso può agevolmente duplicare l' effetto.

E sì, come dice giustamente DomCosmos passano decisamente DAVANTI al cespuglio.

(F)Ufologia applicata.
L' unica materia su cui son veramente esperti a Mistero.

Insider ha detto...

Bravo Paolo!
Che pivelli, che noia. Ma vanno sbufalati all'istante, sempre.

Claudio Termografia ha detto...

L'unica cosa positiva di mistero è che fornisce tanta pubblicità a luoghi solitamente snobbati. Per il resto è una trasmissione totalmente priva di qualsiasi credibilità

Roberto ha detto...

Senza contare che anche le basi scientifiche sono state un pò stravolte: il Monte Musinè non è mai stato un vulcano. E' composto da peridotiti, rocce che si originano nel mantello e raramente si trovano in superficie in quanto sono tipiche delle zone di dorsale medioceanica. Durante l'orogenesi alpina, alcune parti del fondale dell'oceano ligure-piemontese sono rimaste "pizzicate" e portate in superficie (di solito essendo rocce più pesanti tendono invece ad essere portate più in profondità).
Le peridotiti sono composte principalmente di Olivina (peridoto)che si altera facilmente in magnetite + serpentino, da qui l'anomalia magnetica riscontrabile in questa zona.
Nota a parte: il serpentino è uno dei minerali dell'amianto per cui quando i NOTAV della zona si opponevano alla prevista galleria sotto il monte Musinè proprio per il rischio amianto non era una protesta infondata. Sicuramente abbastanza vergognoso invece il comportamento di chi dall'altra parte assicurava che non c'era amianto facendosi supportare dal fatto che un successivo sondaggio non aveva rrvelato presenza di amianto: peccato che il sondaggio era stato eseguito molto più a monte della valle in una zona con rocce completamente differenti nelle quali trovare minerali amiantiferi sarebbe stato altamente improbabile.

Roberto

Divilinux ha detto...

Non capisco perchè non danno spazio anche alla controparte, per avere un parere diverso dagli allucinati (e storditi) come quella tizia del filmato. Quando raramente lo fanno, intervistano uno scienziato "fallito" che non si riesce a spiegare come sia avvenuto il fenomeno.

Qua in Brasile è da qualche mese che intervistano sempre, tutte le settimane, il bambino-calamita ciccione che attrae oggetti di ferro (e non). Gli avessero mai chiesto di farlo con la maglietta o di attaccarsi un aspirapolvere sul gomito...

Nel video del Musinè bastava citare un intervento come quello di @Roberto per normalizzare un poco il discorso sul magnetismo extraterrestre.